Sziget Festival, la “Woodstock” sul Danubio

Standard

(di Fabio Di Alessandri)

Il “Sziget“ (tradotto in italiano Isola) festival prende il nome dalla sua particolare collocazione, Óbudai, un’isola di 76 ettari immersa nelle acque blu del Danubio che per una settimana, quest’anno dal 9 al 16 agosto, si trasforma nel più grande festival d’ Europa. Nato nel 1993 da un’idea dell’artista ungherese Peter Muller Sziami, il Sziget, concepito inizialmente come vetrina per band underground di Budapest,  anno dopo anno  è riuscito a richiamare l’attenzione del pubblico e dei media , radunando nell’ultima edizione 400mila persone accorse da tutta Europa. Il festival  col passare degli anni ha  ospitato sui propri palcoscenici artisti del calibro di RADIOHEAD, REM, SEX PISTOLS, DAVID BOWIE, FATBOY SLIM, THE CURE, PRODIGY, MASSIVE ATTACK.
L’ottima e variegata offerta musicale , ricca di nomi di spicco quanto di gruppi emergenti, è diventata il marchio di fabbrica del festival, oltre 600 artisti di diversi generi musicali (elettronica, punk, hip hop, rock, reggae, techno,jazz, musica gitana) si esibiscono in ogni edizione.

Tra gli headliner di quest’anno ci saranno: Iron Maiden, Muse, Kasabian, Ska P, The Hives, 69 Eyes, Thirty Seconds To Mars, Gotan Project, Buena Vista Social Club, Subsonica e molti altri artisti.

L’isola Obudai, ogni anno per la manifestazione si trasforma in una citta’ attrezzata di ogni servizio e forma d’intrattenimento : bar, locali, ristoranti, pub, negozi, bancarelle, aree da ballo con dj set infiniti, spettacoli di teatro e danza, spazi di meditazione collettiva e ritiro spirituale, superfici a disposizione dei writers e persino una gru da cui fare bungee jumping.

Il Sziget, con i suoi 18 anni è ormai maggiorenne e garantisce un perfetto mix tra musica e divertimento, follia e sicurezza….non resta che armarsi di biglietto ( www.szigetfestival.it ), tenda e partire!

Advertisements

6 pensieri su “Sziget Festival, la “Woodstock” sul Danubio

  1. Un evento degno di essere segnalato,bravo fabiò!!;-) bè..prima o poi bisognerebbe andare per "perdersi" tra musica, spettacoli e tutto il resto che offre lo sziget!

  2. Carolina :)

    E' un festival assolutamente da non perdere ma quest'anno la line up mi ha un po' deluso, in realtà! e quindi oltre a ringraziare Fabio per l'articolo, segnalo il PUKKELPOP che si terrà 19-20-21 agosto in Belgio che magari può interessare anche a voi! la line up 2010 vanta nomi come The Prodiigy, Pendulum, Muse, Placebo, Queens of the stone age, solo per citarne alcuni!

  3. Giulia

    Ciao a tutti! si, ne vale la pena, è un bel festival. E’ un’immersione totale nella musica e nella varie delle nazionalità. Oltre alla musica infatti (che sveglia e assopisce senza cessare mai) sono le persone che stupiscono creando comunemente una sorta di fratellanza sull’isola: tutti si relazionano con tutti ed è inevitabile che camminando ti vengano incontro e ti intrattengano. Il festival è allestito in diverse aree tra cui l’african village, Roma tent.. e si può passare da un contesto a un altro percorrendo pochi metri. Come diceva Fabio ci sono svaghi come il bungee jmping o altalene con salti mortali; personalmente passavo ore intere su divani giganti di plastica a una ventina di posti.
    Se avete la possibilità andateci!! szi-szi-szi-sziget

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...