Le vacche grasse tornano a scuola

Standard

(di Andrea Schiavi)

Contro chi ha sempre affermato il totale isolamento del Comprensorio Lepino dall’attenzione dell’amministrazione regionale,di Priverno in primis (vedi la questione dell’ospedale) la risposta venuta da via della Pisana è stata questa volta più che esaudiente, ancor più se riguarda un settore che in quest’ultimi anni è stato palesemente trascurato dagli enti competenti: quello degli istituti scolastici. La notizia è fresca di stampa. La giunta regionale ha destinato 1.400.000 euro alle scuole privernate, allo scopo di finanziare un importante opera di messa in sicurezza e adeguamento strutturale di cui necessitano la maggior parte degli scolastici del Colle Rosso. Dati alla mano, il nostro comune è il secondo, dopo Roma, ad avere beneficiato di un così ingente investimento. Alla felecità che deve seguire una decisione di questo calibro, vi è da fare però una triste constatazione; una tale quantità di denaro da investire, non può che indurci a pensare in quale stato versano le attuali strutture, un degrado che è difficile immaginare se non si ha la possibilità di constatarlo in prima persona: infiltrazioni d’acqua, chiazze di umidità, intonaci precari e chi più ne ha più ne metta.
In stato peggiore anche i luoghi di ricreazione per gli alunni più piccoli, luoghi in cui non sempre sono rispettate le norme di sicurezza. Un caso su tutti quello della parete rocciosa del plesso di via Giacomo Matteotti. Proprio secondo le priorità di intervento i fondi sono stati diversamente suddivisi tra i diversi istituti elementari e infantili.
L’amministrazione comunale non può essere che soddisfatta, in particolar modo i diretti interessati, il sindaco Umberto Macci, l’assesore con delega ai lavori pubblici, Camillo Libertini e l’assessore con delega alla pubblica istruzione, Domenico Graziani. La nostra speranza, e spero anche quella dei nostri politici, è quella che un simile piano di finanziamenti possa rendere i nostri istituti scolastici più accoglienti dello stato attuale, come testimonianza del concreto avvicinamento dell’amministrazione ai bisogni che la scuola esige.

Annunci

Un pensiero su “Le vacche grasse tornano a scuola

  1. Eddie

    Il nostro comune non è stato a mio parere isolato dall’amministrazione regionali(o quasi mai)negli ultimi tempi.
    Non lo è stato con la scorsa amministrazione e a maggior ragione, visto il cambio di giunta, non lo sarà con quella nuova,o almeno si spera.
    Vi basti ricordare che la stragrande maggioranza dei finanziamenti delle “opere” realizzate dalla giunta macci,sono state alimentate da soldi regionali(nonostante il governo sia stato di centro sinistra) .
    Mi auguro che questo primo finanziamento della nuova giunta della pres. polverini,non venga cosi malamente gestito come gli altri fino ad ora.
    Mi spiego magari con qualche esempio?:
    1)poco meno di €4mln per la realizzazione delle famose e tanto discusse “isole ecologiche”: a che punto stiamo?
    2)Finanziamento regionale destinato all’area archeologica (in questo caso si parla di 10miliardi di lire circa):e a che punto stiamo?
    3)Finanziamento regionale di €14.000 destinati interamente al centro anziani per opere di messa in sicurezza, pulizia,e continuità dei servizi(svariate volte i bagni sono stati chiusi perchè inagibili!!).: scusate ma a che punto stiamo?
    4) Finanziamento destinato al Centro zag a fronte della richiesta (da parte non si sa di chi)di ampliamento e potenziamento della sala prove in sala registrazione: e a che punto siamo?
    5) Vogliamo parlare dei soldi per il castello di st martino? del palazzo zaccaleone?e di chi sa quali altri finanziamenti destinate ad arricchire il bagaglio delle “opere incompiute” di Priverno??…meglio di no che si fa sera.

    La mia critica non è assolutamente da vedersi come un attacco a chi o a chissà che cosa, ma invece va vista come un invito ad una più responsabile e efficace gestione dei soldi che noi stessi ci mettiamo.
    Quindi mi auspico che si faccia buon uso questo bellissimo ed utilissimo finanziamento regionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...