PuntoFuturo intervista il Senatore Francesco Storace

Standard

(di Antonio di Giorgio)

Latina, piazza del popolo, ore 15:03 dell’11 settembre 2010 e Punto Futuro era già lì che attendeva l’arrivo di Francesco Storace, Senatore della Repubblica e segretario de “ La Destra”, il quale ci ha gentilmente concesso dieci minuti del suo tempo per discutere ed aprire una riflessione su alcune problematiche molto delicate del nostro territorio.

Non è mia intenzione riassumere il contenuto dell’intervista ma vorrei fare alcune considerazioni sull’evento. Innanzitutto credo sia doveroso ringraziare Storace in persona, vista la sua disponibilità nel sottoporsi ad un’intervista che poteva tranquillamente evitare, poiché la sua presenza a Latina era dovuta al Cra (Comitati riuniti agricoli) e non certo a noi di Punto Futuro. Inoltre le sue risposte, condivisibili o meno, sono state abbastanza chiare ed efficienti, non ci sono stati tentativi estremi di aggirare il problema con argomentazioni demagogiche e poco credibili anzi, direi che il suo pensiero sulle questioni sollevate emerge fortemente.

Infine questa intervista dimostra come la politica e alcuni suoi rappresentanti stiano cercando di riavvicinarsi alle persone comuni, a patto che le persone stesse si rendano disponibili nell’esporre i propri dubbi e non pretendano che tutte le risposte vengano servite su un piatto d’argento. Dico questo perchè, se ad una manifestazione del Cra che si svolge a Latina, feudo storico di una cultura politica di Destra, la piazza non è pullulante di gente qualcosina vorrà pur dire…

vorrà dire che la gente deve riacquistare fiducia nella politica e ricominciare a credere in quegli ideali che ormai sembrano tramontati.

Noi di Punto Futuro ci auspichiamo che altre figure politiche come Storace diano questo esempio di disponibilità e soddisfino in futuro dubbi, incertezze ed esigenze della gente comune.

Ma ora lasciamo che sia l’intervista stessa a raccontarsi.

17 pensieri su “PuntoFuturo intervista il Senatore Francesco Storace

  1. Francesco Baratta

    Volevo ringraziare a nome di tutti i ragazzi di PuntoFuturo Francesco Del Broccolo senza il cui tramite questa intervista non sarebbe mai stata realizzata e allo stesso tempo fare i complimenti a lui e Giuseppe Sarra per i nuovi ruoli assunti rispettivamente come segreatrio provinciale e dirigente nazionale. Cmq la si pensi un orgoglio per Priverno…

    • francesco89

      il ringraziamento va a voi francesco e alla vostra meravigliosa associazione che ancora una volta si è resa sin da subito disponibile ad intervistare l’on.storace grazie ancora

  2. Eddie (S.D'errico)

    In pieno stile Punto Futuro!🙂
    Apprezzo che ci siano politici, come lui, che si concedono volentieri anche ad interviste “modeste”. Se si vuol guadagnare consenso credo serva molto anche questo.

  3. Cristina

    Vi faccio i complimenti, siete davvero completi, in ogni ambito, continuate così!!!

    Sono d’accordo con Antonio quando dice che non c’è stata demagogia nè oratoria, ma chiarezza, che è fondamentale per farsi un’idea, e il rendersi disponibili così a un confronto è sicuramente un qualcosa da valutare positivamente.

    Per quanto concerne le questioni sollevate:

    -Il problema sanità sarebbe un qualcosa che va analizzato a mio avviso dal 1978, ovvero il passaggio dagli enti mutualistici al Servizio Sanitario Nazionale, in quanto tutti devono avere pari diritti secondo la Costituzione. Questo, però, ha portato un deficit enorme e il decadere della sanità pubblica, visto che l’ospedale era retribuito per i giorni di degenza e non per l’attività, e quindi c’è stato uno sperpero di denaro pubblico laddove non era necessario. L’introduzione dei DRG nel 1994 sul modello americano ha stravolto il sistema, diminuendo il numero di posti letto e incrementando la tecnologia e controllando l’attività attraverso l’emissione delle fatture da parte degli ospedali che la regione poi rimborsa, ma c’è un tetto oltre il quale tale rimborso non avviene. Quindi adesso si sta guardando la produttività e si sta cercando di contenere le spese, ma secondo me ci portiamo dietro troppo sperpero degli anni precedenti. Il sitema andrebbe ulteriormente revisionato, visto che la manovra anti sprechi della finanziaria non sta agendo nella giusta direzione quando, per esempio, alza la soglia dell’invalidità dal 74% all’85%, visto che le persone affette dalla Sindrome di Down hanno un’invalidità pari al 75% e saranno quindi tagliate fuori dal compenso seppur minimo di 256 euro proprio quando la crisi sta rendono le spese sanitarie non coperte insostenibili per tantissime famiglie e i politici invece i tagli sui loro stipendi non li fanno..
    Insomma è un bel casino, e secondo me bisognerebbe anche ridurre i casi di mala sanità e aumentare l’attività e l’efficienza sul territorio in modo che le persone riescano ad avere più fiducia verso le nostre strutture e i nostri dottori e non vadano a farsi curare in un’alltra regione.

    -Che si necessiti di un’indipendenza energetica è innegabile, ma io non sono favorevole all’utilizzo dell’energia nucleare, perchè una centrale non sarai mai sicura del tutto. Se dovesse esplodere una centrale nei Paesi vicini sarebbe uguale, lo so, ma forse sarebbe il caso di cercare più un equilibrio tra consumo e disponibilità di energia. Mi rendo conto che le energie rinnovabili sono troppo costose e ancora poco conosciute, ma non so se effettivamente ci rendiamo conto di quale sia il costo del nucleare, e non parlo tanto di costo economico.

    – Sulle elezioni c’è poco da dire, B. necessita della maggioranza, quindi cercherà l’appoggio di più persone possibili facendo, secondo me, di tutto per far passare F. come un traditore..

    -Che la destra sia il futuro, non lo penso. Secondo me i giovani sono il futuro. Di destra, di sinistra, non importa. Ma sono i giovani la forza, le loro idee, i loro sogni, la loro voce.Ed è quello che dimostrate anche voi con PuntoFuturo. E’ uno spazio che la politica deve lasciarci, che un po’ ci dobbiamo prendere.. E’ giuto che la si pensi diversamente, perchè il dibattito e il dialogo nella diversità sono fondamentali per costruire qualcosa, l’importante è che tutto si svolga nel rispetto, nella libertà e nella democrazia.

  4. Carlo M.

    Ok vista l’intervista…

    risponderò sui punti per quel che concerne la mia competenza:

    – La sanità pubblica:
    Non è un problema di avere risorse in più, il problema è quello di come queste vengono gestite, certo una riduzione dei fondi alle regioni non aiuta il funzionamento dei nosocomi territoriali.
    Le cose che sono mancate e continuano a mancare in Italia sono controlli seri sulle spese, sulle assunzioni e sull’effettiva qualità del servizio.
    A mio avviso una sanità pubblica di qualità è possibilissima se si cominciasse a tagliare le gambe alle varie realtà di nepotismo che ci sono in tutti e ribadisco tutti i settori sanitari.

    – Nucleare ed Energia:
    Quello che dice il segretario de “La Destra” è quantomeno cerchiobottista, nel senso che non si può dire si al nucleare ma non a Sabotino perché abbiamo già dato tanto…
    Per quanto riguarda invece il discorso sul perché io sia contro il nucleare, non penso che debba esprimermi ancora.

    – Linea Nazionale e Alleanze
    Anche qui c’è molto trasformismo da parte di Storace, solo l’anno scorso Storace era ai ferri corti con il PDL, ora che c’è il così detto problema dei finiani allora torna alla carica per rattoppare il buco lasciato dal gruppo di FLI.

    – La Destra come futuro
    Mah sinceramente non riesco a concepire come una destra che si ritiene Identitaria, Tradizionalista, Antimondialista possa essere il futuro di qualcosa.
    Al massimo può rappresentare il passato e svecchiarlo ma sempre quello ripropone.

  5. Giuseppe Sarra

    in tanto ringrazio i ragazzi di punto futuro per i complimenti del mio nuovo ruolo che il segretario nazionale di Gioventù Italiana Gianni Musetti insieme all’esecutivo politico(di cui faccio parte) hanno deciso di affidarmi e nel ringraziare voi ke lavorate quotidianamente sul nostro territorio;sperando in futuro si possa collaborare insieme con il nostro partito e movimento giovanile su giuste iniziative o problematiche territoriali..

    @ carlo M sulla sanità pubblica e sul nucleare ognuno ha la propria opinione ma sul tema alleanze nel 2007 il nostro partito con il proprio simbolo e autonomia aveva effettuato l’alleanza alle elezioni politiche con Berlusconi che poi venne negata da Fini;di sicuro non siamo i “lecchini” di Berlusconi visto che alle politche siamo andati da soli con la Santanchè presidente non entrando al parlamento pur ottendendo un milione di voti per una legge elettorale sbagliata fatta dal Pdl e pd per cercare di creare un bipartitismo italiano.. e poi se il nostro segretario avrà rilasciato in passato qualche disaccordo su Pdl mi sembra evidente sennò non avrebbe fondato La Destra e stando in due partiti differenti non si possono avere le stesse idee e progetti!E poi che con La Destra non ci sia futuro è una tua opinione che rispetto ma non condivido,di certo noi non portiamo avanti progetti e temi del passato perchè anche la destra italiana ha avuto un evoluzione politica,portando avanti un idea di stato sociale per il bene dei cittadini e le ultime regionali ci hanno dato ragione!!!

  6. Cristina

    Vivendo abbastanza da vicino la realtà sanitaria posso dire che su quanto abbiamo affermato Carlo e io c’è poco da ridire perchè è la verità, non è un’opinione.
    Per il resto si, ci possono essere pensieri divergenti..

  7. Anna Maria Bilancia

    Il buco nella sanità laziale lasciato dalla Giunta Storace non è una bufala, come afferma il Senatore intervistato da Pietro, che comunque è stato bravo, ma una verificabilissima verità di 10 miliardi di euro e, ovviamente, la principale ragione dello sfacelo cui oggi assistiamo.
    Inoltre, le ragioni del buco sono peggiori delle sue conseguenze. Non ho intenzione di aggiungere cose che tutti sanno, ma a beneficio di chi non fosse ancora molto informato su questa drammatica e paradossale questione potrei mettere a disposizione una copia della docufiction “Lady Asl” o, se fosse possibile, potrebbero farlo gli amici di Punto Futuro utilizzando direttamente questo spazio e poi potremmo riprendere la discussione con qualche elemento di conoscenza in più.

  8. Giuseppe Sarra

    certo ke la gestione sanitaria italiana è fallimentare e secondo me l’istituzioni collaborando con la guardia di finanza dovrebbero prendere dei seri provvedimenti e chi ha sbagliato paghi..comunque sulla gestione della giunta storace ognuno la può pensare come vuole ma ke sia stata per tre anni consecutivi premiata come la migliore regione europea ottenendo dei fondi aggiuntivi perchè li spendeva bene con le tante strutture ospedaliere aperte dal punto di vista sanitario e altro ancora..questo è un dato di fatto..poi nel dire che la gestione sanitaria italiana è malata e gestita male è vero..

  9. Daniele

    Ognuno come si suon dire porta l’acqua al suo mullino. E diciamo che lo ha fatto anche Storace quando dice bufala un debito lasciato o meno. Il problema, non solo della sanità, è quello dello scarica barile. Ogni volta che cambia amministrazione o governo, la nuova giunta dice che deve risanare il debito lasciato dall’amministrazione precedente. E così Marrazzo ci disse che la destrà lasciò la sanità “co le pezze ar culo”. Adesso è tornata la desta e ovviamente smentisce quello che ammise allora la sinistra. Non faranno mai pace su questo punto e su tanti altri. Quello che sono i dati REALI a noi comuni mortali non è dato sapere ( l’unica cosa che ci è dato sapere e pagare sono le consaguenze).
    Sul nucleare manca un modo per smaltire le varie scorie, una parte sanno come riutilizzarla quasi fino ad esaurimento (QUASI), l’altra parte delle scorie resta così com’è. Diciamo che manca la ricerca sul come farle effettivamente sparire o renderle meno dannose. Sarei d’accordo appunto se rendessero il nucleare un’ energia più pulita e non solo super efficiente come è.
    Sulla coalizione è così come ha detto Storace se non ci saranno dei cambiamenti resteranno come ovviamente gli conviene su questa linea ( quella di B.)
    Sulla questione della militanza dei giovani di destra è ben noto che sono concretamente attivi, si può essere d’accordo o meno sul loro pensiero, ma non gli si può togliere il merito del buon lavoro che stanno svolgendo, e se continueranno di questo passo è facile che possano essere il futuro come dice Storace. Mi auguro che ci possa sempre essere una controparte attiva a rispondere, obiettare e dialogare. In questo momento però c’è un po troppo sonno e non voglia di cambiere le cose. Della serie “Tanto non cambia nulla”. Sembra un po’ la rassegnazzione agli accadimenti che ci circondano.
    Tutto ciò che ho scritto non è altro che il mio punto di vista in base alle scarse conoscenze che ho e alle mie personali sensazioni.
    Saluti e buon lavoro

  10. Francesco89

    MA SE PARLIAMO DEI “BUCHI”DI BADALONI?!?!?!? MA SE PARLIAMO CHE LA GIUNTA STORACE E’STATA SCAGIONATA DALLA CORTE DEI CONTI?!?!?!? SE CI TROVIAMO IN QUESTA SITUAZIONE E’PERCHE’ PIERO MARRAZZO E’STATO UN GRANDISSIMO BUGIARDO,IN 5 ANNI OLTRE CHE NON HA FATTO NULLA,HA SOLAMENTE INFANGATO LA VECCHIA GIUNTA,FACILE DARE COLPE A CHI C’ERA PRIMA,E’ FACILE DIRE CHE STORACE HA FATTO I “BUCHI”,MA LUI DI CONCRETO COSA HA FATTO PER SALVARE LA SANITA’LAZIALE!?!?!?! NULLA!!! HA FATTO SOLAMENTE UN “BUCO”NELL’ACQUA

  11. Francesco89

    @carlo m.

    la sanità è sembre andata avanti con le risorse,ed ora non si può negare il contrario.sul discorso sabotino era una domanda per quanto rigurda il nostro territorio ed ha espresso il suo pensiero per sabotino,sull’alleanza con il pdl nel 2007 quando è nata la destra con la costituente al pala lottomatica di roma (se guardi qualche video c’era anche berlusconi)
    e il segr.Storace disse testuali parole”Siamo nati per stare con il pdl con il nostro simbolo ed identità” l’unico ostacolo che si era presentato iè stato l’attuale presidente della camera che mise il suo veto sull’alleanza la destra-pdl ora che berlusconi non ha più fini,questa alleanza è sempre più vicina,infine la destra è il futuro è uno dei pochi partiti italiani che dispone di un movimento giovanile tra i più numerosi in tutta Italia,questo dimostra che il nostro modo di far politica non è nostalgico anzi…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...