La musica e il digitale

Standard

(di Marco Codastefano)

Questa settimana con il mio gruppo abbiamo registrato la nostra prima demo (ancora in fase di missaggio) e mi sono reso conto di quanto poco di suonato ci possa essere in un cd che compriamo.
Avevamo appena finito di registrare una canzone, uscita anche bene, ma alla fine esce una nota stonatissima, io penso “vabè andiamo a risuonare l’ultima strofa” invece il tecnico fa qualche operazione con cubase (programma per registrare) e cambia la nota mettendo la nota giusta, nota che in realtà noi non abbiamo suonato. Insomma se in uno studio di buon livello, ma di certo niente di eccezionale, si possono fare operazioni di questo tipo, se si può correggere cosi facilmente una nota sbagliata rendendola perfetta all’ascolto…cosa si può fare in uno studio professionale? Alcune volte il dubbio che ci sia poco di suonato è tanto, vi faccio un esempio:

Avevo 17 anni (più o meno) ed ero un giovane metallaro, dopo 12 ore di treno arrivo a Brescia per vedere suonare i Cradle of Filth, mi aspettavo i suoni perfetti dei loro album, dove anche una chitarra distortissima riusciva a suonare quasi pulita, invece fu un disastro vero, da quel giorno non ascoltai più i Cradle Of Filth. Non mi dilungo sulla recensione del concerto perché non è quello il punto dell’articolo, ma voglio soffermarmi su come il digitale mi abbia ingannato, di come in realtà io stessi ascoltando un computer suonare (su cd) e non i Cradle Of Filth.
Ma ora non facciamo gli estremisti, non mettiamoci ad urlare “il digitale ha rovinato la musica! Ora possono fare tutti musica mentre una volta la facevano solo chi sapeva suonare!”, perché questa secondo me è una conseguenza (a voi giudicare se buona o no) più della commercializzazione della stessa che del fenomeno digitale, secondo me il digitale ha tolto…un po di magia alla musica, la bellezza di quell’errore che poi suonava magicamente bene, anche se era finito li per caso. Certo modifiche si sono sempre fatte in studio! Ma a mio modo di vedere decisamente meno “invasive” (nessuno mi toglie dalla testa che riprodurre dal vivo, ad esempio, i suoni del Cradle o la voce del cantante  come quelli del cd sia impossibile, testato con le mie orecchie!).

E voi cosa ne pensate? Preferireste un cd perfetto ma artificiale, oppure un cd di qualità più “scadente” ma più reale?

Annunci

2 pensieri su “La musica e il digitale

  1. Gian

    Io la penso più o meno come te, preferisco un suono “reale” rispetto ad uno modificato, anche se credo che oggi come oggi sia difficile trovare sonorità meno digitalizzate come accadeva decenni fa.

  2. Luca C.

    …mah io credo che la cosa vari da genere a genere; ovviamente un disco che ha bisogno di essere commercializzato ha bisogno che i suoi brani risultino perfetti, privi di errori o stonature, e dove non arriva la voce, si sa, arriva il computer… poi però nei live, come hai ben detto, viene fuori il vero talento, e non tutti sono all’altezza di ciò che commercializzano. Io tempo fa ascoltai dal vivo i Witchcraft, gruppo stoner/doom che ammiro molto perché ha un suono molto ricercato, come si direbbe “straight from the ’70s”, ovvero che arriva dritto dagli anni 70, e rimasi affascinato della totale (se non migliore) fedeltà sonora all’album… se si ascolta un loro cd si possono trovare vari errori, un certo brusio di fondo tipico dei dischi di un tempo, distorsioni accidentali, qualche nota vocale che, anche se non pienamente azzeccata, dona un certo fascino al brano che un qualsiasi pc non riuscirebbe a regalarci. Un po’ come accadeva per gli album di Bob Dylan o di chiunque registrasse in presa diretta… Però ripeto, varia da genere a genere la cosa. Io sinceramente, per ciò che ascolto, preferisco un brano che esprima le reali potenzialità di una band o di un cantante, poi se l’errore è grossolano ben venga il ritocco. Se poi l’errore sta proprio nell’incapacità del cantante o chicchessia, beh, questo è un’altro discorso 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...