Febbre da cavallo.

Standard

(di Jacopo Di Macio)

Questa settimana ha compiuto settant’anni uno dei più grandi uomini di spettacolo italiani, stiamo parlando di Gigi Proietti nato a Roma il 2 novembre del 1940. Nella sua lunga e ancora fortunata carriera Gigi si è distinto oltre che per la sua coinvolgente simpatia, anche per le sue doti da trasformista che lo hanno fatto affermare con successo in vari campi, a partire dagli inizi come cantante in piccoli locali fino ad affermarsi come attore teatrale, cinematografico, come doppiatore e come regista, dopo essere stato per anni il direttore artistico del Teatro Brancaccio di Roma dal 2007 è il direttore artistico del Gran Teatro di Roma. Per quanto riguarda la sua carriera cinematografica è sicuramente ricordato principalmente nel ruolo di Bruno Fioretti in “Febbre da cavallo” film del 1976, diretto da Steno e interpretato tra gli altri da Enrico Montesano e Cathrine Spaak.
TRAMA: La storia ruota attorno a tre amici uniti dallo stesso vizio, quello delle scommesse ippiche. In verità un altra cosa che li accomuna è il fatto di essere continuamente senza una lira, costringendoli ad inventarsi continuamente dei trucchi e delle truffe a scapito di qualche malcapitato. La mente del gruppo è Bruno Fioretti in arte “Mandrake” (Gigi Proietti), un attore di poco successo che si arrangia girando qualche spot pubblicitario e facendo l’indossatore, anche se la sua principale fonte di denaro è la sua ragazza Gabriella (Cathrine Spaak) proprietaria di un bar da cui Mandrake prende spesso in prestito soldi senza però restituirli, gli altri due componenti del gruppo sono Armando Pellicci detto “Er Pomata” (Enrico Montesano) giocatore incallito e naturalmente disoccupato, vive a casa con la sorella e la nonna, costretto per la maggior parte della sua giornata a nascondersi dai suoi creditori che fanno la fila sotto casa, e Felice Roversi (Francesco De Rosa) un napoletano trapiantato a Roma che fa il posteggiatore abusivo. La vita dei tre subisce una radicale svolta quando Gabriella, dopo aver consultato una cartomante perchè stanca dei soldi persi dal suo ragazzo alle corse, decide di affidare a Mandrake alcuni suoi risparmi per giocare una Tris (Soldatino, King e D’Artagnan), quest’ultimo però convinto “dar Pomata” scommette su “Antonello da Messina” un cavallo favoritissimo per quella corsa, ma a vincere sono proprio i tre cavalli detti dalla cartomante. A questo punto, dopo aver perso un’autentica fortuna, Mandrake per non confessare tutto a Gabriella che già festeggia la vittoria, è costretto ad inventarsi una “super-mandrakata” per riottenere i soldi persi, naturalmente in compagnia dei suoi amici.
CURIOSITà: Nella scena dello spot del whisky Vat69 l’attore che interpreta il regista è doppiato da Steno; Il fantino del Palio di Siena Andrea Degortes, nato ad Olbia, possiede un cavallo da corsa di nome Antonello da Olbia, nome ispirato dall’Antonello da Messina del film; Nel 2002 Carlo Vanzina ,figlio di Steno, ha diretto il sequel intitolato “Febbre da cavallo – La mandrakata”.
COMMENTI PERSONALITà: Non è una sorpresa che questo film sia diventato un cult del cinema leggero italiano, Steno parla di una categoria come quella dello scommettitore ippico rapportandolo, come si capisce nell’arringa finale di Mandrake, ad una qualsiasi persona che per almeno una volta si sia illuso di essere un vincitore, ad un sognatore che nonostante la sua continua sfortuna non può fare a meno di continuare a sognare. Il film è inoltre impreziosito dalla simpatia di due principali personaggi, Gigi Proietti nella sua migliore interpretazione cinematografica, con la sua inconfondibile e coinvolgente mimica e Enrico Montesano una spettacolare spalla comica.

3 pensieri su “Febbre da cavallo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...