BARTER…WHAT ABOUT IT?

Standard

Meno si ha meno si compra. Meno si compra più si desidera. Più si desidera finché non si compra. Infine più si compra più si desidera. Dunque in ogni caso si desidera sempre più di quello che si ha oggi, a prescindere dalla crisi, perché l’uomo tende sempre ad accumulare,che siano materiali o immateriali i suoi beni.

La domanda che mi viene in mente però è la seguente:come accumulare se non attraverso il lavoro o gli acquisti sfrenati?

Ed è qui che entra in gioco una terza opzione in un momento di crisi come quello che viviamo da un bel po’ ormai…il baratto.

Ebbene si, ultimamente si vanno affermando sempre più gruppi di economia sociale che rilanciano e sostengono pienamente questo “nuovo” modo, per cosi dire, di fare economia fornendo servizi e quant’altro senza la necessità di denaro in cambio. E dico “nuovo” perché sebbene il baratto sia in assoluto la prima forma di scambio commerciale di beni, oggigiorno i parametri sono completamente cambiati, e forse è cambiato anche il fine.

Più di 4000 comunità in Italia tentano di ricreare legami basati non più sul binomio creditore-debitore, ma si impegnano a fondare nuove relazioni, in un certo senso primitive, che valorizzino la cooperazione sociale, la fiducia e la condivisione per raggiungere una situazione, sebbene molto ideale, di bene comune.

Di certo la tecnologia ci è di grande aiuto, infatti il web logicamente offre svariate possibilità di scambiare materiale in modo virtuale, per chi ama il progresso e non ha voglia di visitare mercatini e associazioni fisicamente. Lo chiamano swapping (dall’inglese swap che significa scambiare), e ci consente di barattare di tutto (richiedendoci solo un rapporto fiduciario), dalla musica ai film ai vestiti alle borse e chi più ne ha più ne metta…il sito Zerorelativo.it in Italia dà a tutti la possibilità di condividere ciò che è stato riposto nello stanzino degli orrori già da un po’, magari nella speranza di riutilizzare i propri oggetti e di averne di nuovi che si desiderano da sempre.

Per chi ha invece passioni e hobby da condividere in comunità, in Sardegna, a Bosa, è stato aperto un B&B&B(bed&breakfast&barter), dove chiunque voglia rilassarsi e staccare dalla vita di tutti i giorni(non avendone le possibilità economiche),è libero di andare lì e offrire in cambio di un po’ di relax la propria esperienza e il proprio savoir-faire. Un po’ come fanno da circa dieci anni le banche del tempo, associazioni in cui si scambia gratuitamente tempo,dedicando delle ore per fornire servizi, come ripetizioni scolastiche, baby-sitteraggio, cucina, organizzazione feste, etc.

C’è dunque ancora una speranza, per chi la ritenga tale, di avere e godere di ciò che si vuole prima di abbandonarsi completamente al “buddismo” e rinunciare a tutti i piaceri per non sentire alcun dolore.

Voi cosa ne pensate?avete mai barattato e guadagnato qualcosa che sognavate da tempo?Io dovrei iniziare a farlo!

(Claudia Fiormonti)

 

Advertisements

2 pensieri su “BARTER…WHAT ABOUT IT?

  1. Carlo M.

    bellissimo post su un argomento altrettanto bello ed interessante.
    Qualche tempo fa mi stavo informando sui “nuovi modelli” di mercato equo e solidale e questo argomento sul baratto insieme agli esperimenti di mercati a filiera corta e cortissima mi hanno subito affascinato. Spero di poterli approfondire di più sia teoricamente che praticamente! 😉

  2. Valeria

    Sarebbe realmente bello poter tornare alle nostre origini…barattare ciò che ti serve con ciò che desideri, peraltro senza spendere un soldo… tuttavia ho un dubbio: come si fa a stabilire un valore equo di scambio, come faccio ad essere sicura che ciò che voglio barattare valga in egual modo a ciò che voglio acquistare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...