Quelli che… Il III polo: intuizioni di fantapolitica (parte III)… Noi della stampella

Standard

Continuiamo a parlare della confusa situazione che in questo periodo sta vivendo l’amministrazione comunale; nel primo episodio di questa kermesse abbiamo affrontato l’entrata, o presunta tale, del nostro sindaco Umberto Macci tra le file dell’Udc; nel secondo invece abbiamo cercato di fare una panoramica generale sulle reazioni che una simile decisione può aver scatenato all’interno della maggioranza comunale. Lunedì scorso ci eravamo lasciati con l’interrogativo di chi, nell’eventualità delle dimissioni di coloro che non hanno appoggiato le dichiarazioni del Macci riguardo ad un’ipotetico allargamento dell’amministrazione a forze non propriamente di centro-destra, potesse sostituirsi ai dimissionari. Bhè prima che succedesse quel che è successo avrei detto così.
Voci sempre più insistenti davano per certo la creazione del tassello mancante del terzo polo privernate, ossia L’Api. Il giovanissimo partito politico fondato da Francesco Rutelli sembrava stesse mettendo radici anche sul Colle Rosso; capofila di questo novo progetto sarebbe stato una personalità storica del palcoscenico politico privernate, quale è Domenico Antonio Sulpizi. A seguirlo in questa nuova avventura sarebbero stati sicuramente Francesco Aversa e Antonietta Bianchi, più un altro nome che preferiamo non menzionare per la poca fondatezza della fonte. In questa situazione il sindaco avrebbe potuto anche accettare l’eventualità di alcuni dimissioni tra la maggioranza visto che l’evoluzione politica sopra indicata gli avrebbe fornito una “stampella” solida con cui proseguire i rimanenti due anni di mandato. Ma in realtà la situzione che si è venuta a creare non fa altro che alimentare lo status quo odierno. A quest proposito mi domando perchè un esponente di maggioranza dovrebbe dimettersi sapendo che già esiste una “stampella” bella e pronta in grado di sostituirlo? A maggior ragione visto che alcuni dei presunti dimissionari ricoprono la carica di consiglieri, e per questo percepiscono anche un piccolo stipendio. Qualcuno potrebbe dire che lo farebbe per principio, per prospettiva politica, per coerenza, ma sicuramente tutti e tre i motivi insieme non pagano come una bella poltrona comoda da assessore.
Ovviamente queste sono congetture che, fin quando non avranno attuazione, rimangono tali; ciò non toglie che non obbligatoriamente quello che si sta realizzando tra la classe politica nazionale deve vedere per forza la stessa attuazione tra gli omologhi locali. Come ben sappiamo tutti la politica che si fa dalla nostre parti, e come da noi in altri piccoli centri, è ben diversa da quella che si dibatte nei grandi convegni e nelle tribune televisive. Spesso e volentieri al simbolo si preferisce la persona, alla promessa si preferisce il valore umano del candidato e il suo trascorso di uomo, cittadino e lavoratore. Tenendo conto di tutto questo non possiamo dare per certo quello che io ho cercato di mettere nero su bianco in queste settimane, e la prova più lampante è quello che sto per raccontarvi nelle prossime righe, che in un sol momento ha ribaltato tutto il mio pensiero sui fatti in questione.
E’ di qualche giorno la notizia che l’intero gruppo consiliare del Pd ha sfiduciato il suo capogruppo, Elvira Picozza; notizia che mi è apparsa a dir poco sconcertante, visto che personalmente ho sempre ritenuto la Picozza una dei leader che meglio si è comportata tra le file dell’opposizione. E chi sarebbe il suo sostituto? Lui, proprio lui, Il Domenico Antonio Sulpizi di cui abbiamo parlato sopra. In questa nuova situazione è impensabile che possa lasciare il partito per fondarne un altro; ciò non toglie che l’Api possa nascere a Priverno per opera di altri esponenti. Solo se ciò avvenisse l’ipotesi III Polo potrebbe avere fondatezza. ma allo stato attuale delle cose ne ha veramente poca.
Tutta questa faccenda insinua anche un altro dubbio; la futura posizione della capogruppo “sbolognata”; cosa farà adesso? L’opposizione dell’opposizione? O più semplice sarà costretta a perdonare i suoi carnefici? Nessuno può saperlo.
Ecco come niente di meglio del titolo da me scelto calza perfettamente alla tematica scelta: fantapolitica. Tutto può succedere finchè alla fine succede veramente.

Annunci

47 pensieri su “Quelli che… Il III polo: intuizioni di fantapolitica (parte III)… Noi della stampella

  1. brother

    E’ giusto fare una piccola rettificare quanto detto sulla notizia della sfiducia ad Elvira Picozza; la notizia non è ancora ufficiale, ma bensì ufficiosa. Per saperlo realmente si dovrà aspettare il prossimo consiglio comunale; solo allora si saprà se le mie congetture diverranno fatti o rimarranno tali.

  2. Pietro Deligia

    Il PD privernate diventa una barzelletta ogni volta più grottesca, di più di quello nazionale, Elvira Picozza è l’esponente che merita maggior rispetto in quello schieramento e invece no, viene derubricata per fare spazio a chi in quel partito non dovrebbe esserci!

    Mi permetto di rivolgere una domanda a chi di dovere:”Ma quando vi deciderete a CACCIARE con la forza chi non può più rappresentare nemmeno se stesso?!”

    Basta con questo sistema vecchio e putrido, sò che la riconoscenza per chi ti ha “sistemato” non basta mai, ma così la vostra credibilità quale è?

    Solidarietà ad Elvira, sconcerto per il PD dei Book-Crossing.

    • annamaria.bilancia@hotmail.it

      Una “grottesca barzelletta” è chi con molta scorrettezza, disinformazione e tendenziosità, oltre che ristrettezza di pensierro, strumentalizza una situazione di cui conosce ben poco, offendendo un partito, e le persone che lo rappresentano, che fa onestamente il suo lavoro.
      Sulla vicenda della quale oltre a ostentare una grande conoscenza, ci si permette indegnamente di sentenziare giudizi gratuiti e non richiesti, sarà il partito democratico, quando lo riterrà opportuno, a darne informazione. Fin da ora, però, posso affermare che Elvira Picozza non ha bisogno della solidarietà di chi attacca così miseramente il partito dove lei ha scelto di stare ed è da questo partito che Elvira riceve la solidarietà, la stima e la fiducia.
      Ho ritenuto di ribattere con qualche precisazione a un attacco così meschino solo perchè quando si diffondono certe infamie si rischia di far male a qualcuno. Inoltre, mi piacerebbe tanto sapere a chi ci si riferisce quando si afferma di sapere “che la riconoscenza per chi ti ha “sistemato” non basta mai”!
      Non risponderò più a nessun altro post; ma se si continua con questa campagna diffamatoria, lo farà il nostro avvocato.
      Anna Maria Bilancia, segretaria del PD di Priverno e “dei book crossing” che alla cultura di qualcuno farebbero tanto bene!

      • Francesco Baratta

        Cara Annamaria,
        anche se sarà Pietro che di certo non mancherà di risponderti, mi sorprende tutta questa acredine dato che il commento minacciato di querela (!!!) non fa che difendere le posizioni che hai sempre sostenuto, circa la incompatibilità della persona in questione con il vostro statuto ed è chiaro che la frase da te citata non si riferisse a te. Mi sorprendono dei toni che hai usato. Scusa se mi permetto.

      • Pietro

        @Annamaria:

        Grazie mille per essere tornata a commentare sul nostro tendenzioso e disinformato blog, mi dispiace ma per l’ennesima volta ti sei sentita toccata per cose che non ti riguardano in prima persona(e che non miravano a te!) come già successe in passato.
        Nel mio mondo si può dire tutto avendo rispetto delle persone e su questo credo di non dover imparare molto dagli altri, poi se si vuole tappare la bocca a chi fa dell’informazione libera una propria prerogativa…accomodatevi ma non credo ci riuscirete.
        Sui Book-Crossing mi sono espresso solo perchè mi sembra l’attività più pubblicizzata del vostro partito.
        Per tutto il resto preferisco non rispondere, è un livello che non mi appartiene.

  3. Francesca onorati

    Ad onor del vero tengo a precisare che io da consigliere comunale e xmettetemi parlo anche x i miei colleghi ho percepito circa 150 euro dall’inizio della legislatura che tenendo conto delle spese sostenute sono a dir poco irrilevanti. Quindi nn parlerei di stipendi seppur piccoli xche si tratta di una informazione totalmente infondata.

    • elvira

      Non scenderò nei particolari relativi alla funzione di capogruppo del PD di Priverno, la cui vicenda potrà essere meglio compresa sulla base di eventi che potrebbero o meno verificarsi nell’immediato futuro, ma per chiarire alcuni aspetti riguardanti il Partto Democratico di Priverno.Un partito che, sebbene composto di tante anime, quindi un partito plurale, ha dimostrato e continua a dimostrare, oggi più che mai, di essere vivo, forte e coeso nell’azione politica e nel funzionamento dei propri organismi costituenti: segreteria, direttivo, esecutivo. Organismi che vi assicuro, anche in merito alla questione capogruppo hanno assunto una precisa e chiarissima decisione, scaturita da un confronto e un percorso esemplare.
      Permettetemi di dire che non giova al dibattito politico nè può certamente far piacere a chi si spende quotidianamente e senza riserve per questo Partito, sentirlo definire “una barzelletta grottesca” o ridicolizzarne le iniziative più significative come il book crossing. Anche perchè forse, a ben vedere, i motivi che sono alla base di tale vivace confronto, mi sembra che siano condivisi sia da Punto Futuro che dagli organismi del PD.
      Colgo l’occasione per ringraziare il mio partito, per la fiducia che mai mi ha fatto mancare e tutti coloro che, citandomi nei loro interventi, lo hanno fatto sottolineando il mio impegno politico nell’esercitare, nei limiti delle mie possibilità, il ruolo di capogruppo che svolgo da circa 3 anni, cercando di offrire un servizio ai cittadini di Priverno in nome del partito che rappresento.

      • Francesco Baratta

        Grazie Elvira per il tuo commento, che arricchisce non poco il nostro blog, e per l’eleganza con cui ci hai rivolto la tua reprimenda. In bocca al lupo per gli eventi dei giorni prossimi venturi… Non penso serva ribadire la mia solidarietà e i miei apprezzamenti!!” 😉

      • antonio

        è bello vedere come una delle poche persone che ho sempre apprezzato nel panorama politico locale (anche se abbiamo idee profondamente diverse) mi confermi quello che ho sempre pensato: una persona seria, corretta e moderata nel modo di porsi. Sento anche io il dovere di ringraziarti per l’intervento e ti auguro un buon lavoro per il proseguo (spero) del tuo impegno come capogruppo.

      • Pietro Deligia

        @Elvira:

        Voglio ringraziarti anche io che ho sollevato tutto questo polverone, tu sai che da questo blog e da queste persone la stima e il rispetto reciproco c’è sempre stato, siamo con te e con quella parte di ogni partito politico che vogliono fare della LEGALITà l’abito mentale che tutti dovrebbero indossare!
        Detto questo voglio tornare ancora una volta sulla frase incriminata “barzelletta grottesca” e dire che naturalmente mi riferivo a queste nomine che non ho paura a combattere apertamente.
        Torno anche sui Book Crossing, non li ho mai definiti in malo modo, ho solo datto:”Il partito dei Book Crossing” perchè a mio avviso vi qualifica, non era mica dispreggiativo!

  4. antonio

    @francesca onorati: non si parla di stipendi in quanto tali, ma si parla del fatto che non avrebbe senso abbandonare un posto di consigliere per principio quando si sa quasi con certezza che ci sarebbe gente pronta a sostituire il dimissionario (questo è il ragionamento che può fare il potenziale dimissionario). Sotto quest’ottica di riflessione è influente anche il piccolo stipendio che i consiglieri dovrebbero percepire e che percepiranno in ritardo, del resto come tutto ciò che il comune paga. Tutti sono a conoscenza che i pagamenti comunali in genere avvengo in ritardo, a partire dai lavori pubblici fino agli “stipendietti” dei consiglieri; eppure si può star abbastanza tranquilli, il comune prima o poi pagherà sicuramente.

  5. Francesca onorati

    Nn penso che alcun consigliere comunale stia al suo posto x quello che erroneamente continui a definire stipendio. Quando si scrive si ha l obbligo di dare informazioni corrette ai propri lettori. E un consiglio che ti do vista la tua giovane eta’.

  6. antonio

    come puoi vedere il post non l’ho scritto io, e mi pare di capire che non hai capito nemmeno il senso del ragionamento svolto nel post…per quanto riguarda riguarda la giovane età non mi pare di discorrere con una “vecchietta” :), direi tutt’altro.

  7. brother

    Per precisare ancor meglio la questione, quando mi riferivo ai piccoli stipendi lo facevo tenendo conto dell piccola somma che si percepisce in particolar modo dall’assessorato che, se non vado errato, dovrebbe essere un pò di più di 150 euro. In questo perlomeno non credo di sbagliare.

  8. antonio

    @francesca onorati: come puoi vedere il post non l’ho scritto io e mi pare di capire che non hai capito il senso del ragionamento di andrea. Per quanto riguarda la giovane età non credo di discorrere con una “vecchietta”, direi tutt’altro 😉

  9. Anonimo

    Scusa se nn ho capito caro Antonio … Anche se nn sono entrata nel merito del ragionamento. Forse nn hai capito tu qllo che dicevo io. Io correggevo il fatto che qlcuno avesse sostenuto che i consiglieri comunali xcepiscano uno stipendio. Falso. Io 150 euro circa li ho presi in 3 anni. Il discorso degli assessori e’ totalmente diverso. Sia assessori, vicesindaco e presidente del consiglio xcepiscono uno stipendio mensile.

  10. SImone D'. (Eddie)

    Tutte le vicende legate alla “fantapolitica” la dicono lunga su quanto marcio ci sia in questa classe politica, ahimè chiamata a guidare il nostro paesello.
    Interessano più i simboli, le ambizioni personali, e le poltrone che magari risolvere anche solo uno dei problemi di Priverno, per carità! è più importante sfiduciare un capogruppo per poi sostituirlo…mi verrebbe da chiedere a sti geniacci “cosa diavolo te ne fai? cosa speri di ottenere sostituendoti ad un capogruppo!?”.
    Un sindaco che è stato eletto con un simbolo, e tenta di terminare il proprio mandato con un altro, consiglieri d’opposizione che passano in maggioranza e viceversa!, ma allora tutte le belle parole, i presunti programmi vantati in campagna elettorale vanno a farsi benedire o sbaglio!?.
    Ci si lamenta che le urne ormai sono sempre più vuote, che c’è sfiducia nei confronti della politica, ma nessuno fa nulla per smentire tutto questo, sono stufo di assistere a queste prese in giro.
    A me non interessa parlare di stipendi(almeno dimostrate di meritarli), a me interessa sapere cosa e come il comune agisce, quante tra le cose promesse sono state realizzate e quante ne restano ancora.

  11. SImone D'. (Eddie)

    Qualcuno lassù nel palazzo sa mica dirmi con quali modalità verrà effettuato il servizio di raccolta dei rifiuti, che dal 1 maggio entrerà in vigore? (servizio assegnato grazie ad una pessima gara “a ribasso”).
    Qualcun’altro saprà dirmi il vero motivo per cui Priverno ancora non ha un ospedale? perchè i lavori in via madonna delle grazie sono tutt’ora bloccati?.
    Per quale motivo c’è una cazzo di zona archeologica coperta dall’erbaccia?
    Per quale motivo St Martino versa nella più completa anarchia?
    Non so se troverei più difficoltà nel contare le stronzate che vengono dette in comune, o i contenziosi aperti con le varie ditte chiamate a “realizzare” le promesse fatte in campagna elettorale.
    La bruttezza delle vostre azioni politiche, è proporzionale alla bellezza delle foto che vi raffigurano nei manifesti, che poi passano gli anni ma sono sempre le stesse,cambiano solo i simboli e i nomi dei partiti.
    Direi che è ora di smettere con questi giochi di palazzo, la politica deve tornare ad acquistare un minimo di serietà, questo non è “qualunquemente” e voi(classe politica) non siete Antonio Albanese.

    • Francesco Baratta

      Mi preme sottolineare che il commento qui sopra non è espressione di nessuno dei responsabile di PuntoFuturo. Nella speranza che tutto questo sia esclusivamente un errore dettato dalla nostra incuria nel lasciare il sito “loggato” in giro sui vari computer, vorrei ribadire che una presa di posizione così netta (anche nei modi) non fa parte del modo di esprimersi di PuntoFuturo sul blog, dato che ci proponiamo come voce imparziale. Lasciamo il commento così come lo avete trovato, nonostante questa rettifica, per motivi di trasparenza.

      • Francesco Baratta

        Risaliti all’errore. Si è trattato di uno spiacevole inconveniente, il commento è di uno dei nostri collaboratori che senza volerlo ha commentato con la firma di PuntoFuturo.

    • Paolo

      Volevo solo dire che il commento sopra è mio.Pensavo di aver commentato a livello individuale e non mi sono accorto di essere “collegato” con l’account di punto futuro.Mi dispiace se ho creato qualche disagio.. scusate.

  12. Anonimo

    Nn sono entrata nel merito di alcun ragionamento politico. Certo con qsto decadimento e caos far passare il mess che i consiglieri comunali xcepiscono una retribuzione qndo i dipendenti comunali nn vengono pagati( che vivono di questo) mi sembra scorretto. Se i consiglieri fanno cazzate almeno non gravano sui contribuenti.!!!!!!!

  13. Carlo M.

    Stipendi, soldi, incarichi ed incaricuzzi, posti di “potere” (se di potere si può parlare…), “Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate, il visagista delle dive è truccatissimo” (cit), vi rendete conto che non è questa la politica che serve al paese? O almeno vi è mai importato realmente portare delle migliorie al paese che non fossero quattro rotonde sul mare ed un paio di scalette?
    Dov’è la città d’arte di cui tanto vi vantate in giro?
    E’ forse una città d’arte quella città che lascia i propri gioielli museali, archeologici alla mercé degli elementi e dei contenziosi?
    E’ una città d’arte quella che fa in modo di cambiare ( con qualche strano “olezzo di ripicca” ) il patrocinio del “Giardino d’Archimede” facendo divenire, quella che era un’eccellenza nazionale, in un museo di bassa provincia, dimezzando di fatto le visite in un anno?
    Credete davvero che il paese si regga su slogan e promesse elettorali?
    Fa bene al paese non rispondere tempestivamente ai lavoratori socialmente utili messi alla porta?
    Fa bene al paese costruire opere faraoniche che più che isole ecologiche assomigliano a piccole “parrocchie nel deserto”?
    Solo una cosa mi sento di dirvi ed è molto semplice: “LAVORATE! che non siete arrivati da nessuna parte” .

  14. Pietro Deligia

    Ragazzi siamo andati un attimo fuori tema, la questione non è(almeno in questo scambio di opinioni) quanto abbia o non abbia fatto la giunta, Francesca ha ragione a rimembrare che i consiglieri percepiscono un rimborso spese irisorio e secondo me questo è un tema da approfondire, non è possibile che un consigliere regionale prenda 15000 euro al mese ed un consigliere comunale praticamente nulla!

    Tuttavia ha ragione anche Andrea quando dice:”piccoli stipendi” infatti il termine “piccolo” non è quantificabile, quindi non credo ci siano errori nel post.

    Concludo dicendo che non mi sembra giusto attaccare chi(al contrario di altri) ci degna di riportarci la propria esperienza, stiamo calmi e cerchiamo di avere rispetto.

  15. Francesco Baratta

    quoto tutto quanto espresso da Pietro. Il commento fatto da Francesca non può che fare piacere, dato che si tratta di una rettifica sacrosanta e che arricchisce la discussione apportando una testimonianza diretta. Per il resto voglio anch’io sottolineare che non credo ci siano degli errori nel post di Andrea.

  16. antonio

    @francesca onorati: forse non mi sono espresso in maniera adeguata, il mio commento non voleva essere disfattista ma aveva solo lo scopo di puntualizzare il fatto che i compensi di consigliere (io li ho chiamati ironicamente “stipendietti”), i quali non sono fissi come quelli degli assessori ma vanno a gettone in base alle presenze in consiglio comunale, arrivano perennemente in ritardo come tutto ciò che riguarda qualsiasi pagamento che il comune deve effettuare. Con l’espressione “non hai capito il ragionamento di andrea” volevo solo dire che questi famigerati “stipendietti” compongono uno degli elementi, assieme alle posizioni politiche e alla coerenza, che un qualsiasi consigliere valuta per vagliare o meno la possibilità di lasciare il suo ruolo, con un ulteriore consapevolezza del fatto che ci sia già qualcuno pronto (magari dell’opposizione) a sostituirlo entrando cosi in maggioranza e mettendo , di fatto, in atto un vero e proprio “rimpastino comunale”. Non volevo essere distruttivo ne tanto meno offensivo, ma solo dare una interpretazione al ragionamento che tentava di fare il post. Spero di essermi spiegato meglio.

  17. brother

    E’ vero rileggendo l’articolo c’è un passo in cui senza accorgermene ho sostituito la parola consigliere con quello di assessore, ve lo ripropongo qui sotto:

    “…A maggior ragione visto che alcuni dei presunti dimissionari ricoprono la carica di consiglieri, e per questo percepiscono anche un piccolo stipendio.!

    Quindi al posto di consigliere va assessore, scusate il lapsus che è stato la scintilla di tutta la contesa. Anche se, cosa che non mi discolpa, il mio concetto poteva essere tranquillamente ben capito da parola “alcuni”, in quanto nel gruppetto a cui io ho fatto riferimento sono “tutti” consiglieri, ma solo “alcuni” sono assessori. Ciò non toglie che il mio errore abbia dato un pò di confusione al discorso.

  18. Arianna Fantozzi

    La mia risposta è per il post in cui si definisce il PD di Priverno una” barzellatta grottesca”.
    Potrei essere daccordo se dibattendo sulla sostituzione del capogruppo si arrivasse alla conclusione che tale decisione potrebbe essere negativa per il partito e portare ad un indebolimento, ma anche questa, a mio avviso, sarebbe un ipotesi destinata a rimanere tale perchè potrebbe anche esserci un interessante risvolto della medaglia, ma questo si vedrà in futuro.
    Tengo particolarmente a sottolineare che un pertito non è costituito esclusivamente dal gruppo di consiglieri, certo quest’ultimi sono coloro che lo rappresentano, ma alla base di ogni partito c’è un organo direttivo ed esecutivo che ne costituiscono l’anima.
    L’anima del PD di Priverno è costituita da un insieme numeroso di persone che lavorano con passione e costanza e che sottolineo, non hanno condiviso la decisione del cambio di capogruppo. E’per rispetto a queste persone che non mi sembra giusto parlare del PD usando il termine “barzelletta grottesca”.

  19. Pietro Deligia

    @Arianna:

    Sono completamente d’accordo con la tua analisi. Quando dico:”Il PD privernate diventa una barzelletta ogni volta più grottesca” mi riferisco a fatti che credo non possano far felice nessuno, a maggior ragione chi fa parte di quel partito!

    Poi se non posso esprimere opinioni su fatti che nel mio mondo, nel mio modo di intendere la politica non dovrebbero avvenire…c’è qualcosa che non va.
    Mi dispiace sinceramente se ho toccato la sensibilità dei militanti, ma questo non era nel mio intento, ed infatti non mi sembra di averlo mai scritto!

  20. F. F.

    Leggendo l’articolo ed in secondo tempo i commenti di alcuni, mi è tornato in mente la compravendita di deputati nel parlamento italiano. Non so perché, ma dal mio inconscio è balzato fuori questo ricordo. Ora che c’entri poco con la questione privernate lo affermo prima di tutti io, ma sono sempre più convinto che la politica locale (come ormai quella nazionale) stia diventando una questione di imprenditoria e di potere, sembra di assistere ad una partita di Risiko. Le persone si litigano le poltrone, fanno dei sorrisi smaglianti su dei cazzo di manifesti che ogni volta imbrattano totalmente Priverno (con la certezza che non potranno mantenere tutte quelle cazzate che promettono), ma intanto ai cittadini chi ci pensa? Qua non stiamo al cinema, non c’è Batman, Superman o i Fantastici 4 a risolvere i problemi. Se volete stare seduti in poltrona allora muovete anche il culo per risolvere tutti i problemi che ci sono. Non si gioca a fare il piccolo politico per far bella figura su Facebook, si fa il politico per avanzare e realizzare progetti al fine di migliorare la situazione attuale. E qui di migliorie ne vedo ben poche… vedo solo rotatorie, tante rotatorie (come disse un mio caro amico). Destra, sinistra, centro, su e giù… sì, tutti giù per terra, è proprio un girotondo. Ma fatela finita, alla gente non importa da che parte state, alla gente importa quello che fate; mettetevi d’accordo almeno per una volta, prima di tutto con voi stessi e poi con gli altri.
    Ah, anticipo ufficiosamente che domani fonderò anche io un partito, tanto ormai spuntano fuori come funghi, il partito “fregandò”: arizzò la cossa e poi si chinò (slogan spero convincente per un capogruppo, magari mi pigliano alla maggioranza, o mal che vada posso sempre ripiegare all’opposizione).

  21. Pietro Deligia

    @ Chi ne avesse bisogno:

    Tra qualche tempo inizieranno dei corsi di Italiano, comprensione del testo, lettura, insomma la base per vivere in un mondo civile, se qualcuno di voi ne avesse bisogno(secondo me qualcuno si) siete invitati a parteciparvi. Io ci vado, la mia cultura langue…hahahaha

  22. Arianna Fantozzi

    Come mettere in dubbio il fatto che ognuno può esprimere la propria opinione?
    Diversa è la questione se si scrivono inesattezze (e qui mi riferisco anche all’articolo iniziale) o se si fanno accuse precise.
    Cito la frase “sò che la riconoscenza per chi ti ha “sistemato” non basta mai, ma così la vostra credibilità quale è?” Non riesco a capire a chi è rivolta questa domanda? A qualcuno in particolare o all’intero gruppo del partito democratico?
    Non dobbiamo nessuna riconoscenza a nessuno, e purtroppo l’espressione “cacciare con la forza”, dovresti sapere che difficilmente è attuabile, anche per chi di dovere.

  23. Pietro Deligia

    @ Arianna:

    “sò che la riconoscenza per chi ti ha “sistemato” non basta mai, ma così la vostra credibilità quale è?”

    è riferita a chi da determinate persone ha ottenuto in passato ed ancora oggi trattamenti di riguardo, certo che non è riferita all’intero gruppo del PD, ma un minimo di intelligenza avete il sospetto che potrei averla anche io?

    “l’espressione “cacciare con la forza”, dovresti sapere che difficilmente è attuabile, anche per chi di dovere.”

    Certo che lo so…so anche che si possono fare proposte, mozioni che dovrebbero e potrebbero essere approvate a larga maggioranza che vadano in quella direzione, e poi il codice etico del PD dice:

    “Le donne e gli uomini che aderiscono al Partito Democratico riconoscono nella
    Costituzione italiana la fonte primaria delle regole della comunità politica.
    Considerano i suoi principi, insieme a quelli sanciti nelle Carte sui diritti umani e
    sulle libertà fondamentali, il riferimento di un impegno politico al pieno servizio del
    bene comune, della giustizia sociale, di un modello inclusivo di convivenza.
    Oltre al rispetto doveroso delle leggi, l’adesione al Partito Democratico impegna a
    comportamenti ispirati ai principi etici contenuti in questo Codice.”

    C’è il punto 5 del codice etico del pd che si esprime molto chiaramente:

    http://www.partitodemocratico.it/allegatidef/CodiceEticoPD44883.pdf

  24. brother

    Arianna Fantozzi :

    Come mettere in dubbio il fatto che ognuno può esprimere la propria opinione?
    Diversa è la questione se si scrivono inesattezze (e qui mi riferisco anche all’articolo iniziale) o se si fanno accuse precise.
    Cito la frase “sò che la riconoscenza per chi ti ha “sistemato” non basta mai, ma così la vostra credibilità quale è?” Non riesco a capire a chi è rivolta questa domanda? A qualcuno in particolare o all’intero gruppo del partito democratico?
    Non dobbiamo nessuna riconoscenza a nessuno, e purtroppo l’espressione “cacciare con la forza”, dovresti sapere che difficilmente è attuabile, anche per chi di dovere.

    riguardo alle inesattezze dell’articolo intendo dire questo. Questo blog non è, non è mai stato, non sarà mai un’organo d’informazione. Visto che sono io l’autore dell’articolo ci tengo a precisare che le mie sono ipotese, congetture tese principalmente a rimettere a posto i pezzi del puzzle dello scenario politico privernate. Posso aver sbagliato nell’aver dato ufficialità ad una notizia non ancora tale (cosa che ho immediatamente rettificato nel primo commento), da quel che ho visto la diretta interessata, Elvira Picozza, è intervenuta nella diatriba mediatica che questo post ha scatenato senza smentire quanto detto. Cmq ne potremo sapere di più aspettando il prossimo consiglio comunale.

  25. Arianna Fantozzi

    Ovvio che ti riferisci solo a determinate persone, la mia domanda era a chi. Chiarito questo, la tua affermazione lascia intendere in modo molto chiaro che, se la persona in questione si trova all’interno del PD, è perchè qualcuno gli deve qualcosa, le cose non stanno così e visto che ti interessa l’argomento ti invito ad informarti su quello che è successo veramente, così poi potremmo riprendere il discorso. Ciao.

  26. Pierantonio

    Bella discussione, tanta carne al fuoco e qualche imprecisione. Come prima cosa dico che mi dispiace vedere un consigliere di maggioranza, l’attuale capogruppo del PD (fra un pò si vedrà) e il segretario del PD privernate intervenire in un discussione che ruota intorno ad equilibri consiliari, quando su questo stesso spazio web, libero e libertario, gestito da giovani e fortunatamente ancora “visionari sognatori” si sono trattati temi per i quali sarebbero sicuramente stati graditi interventi istituzionali.

  27. Pierantonio

    Seconda cosa e questa è per Arianna. Arià, tu dici:” Non dobbiamo nessuna riconoscenza a nessuno, e purtroppo l’espressione “cacciare con la forza”, dovresti sapere che difficilmente è attuabile, anche per chi di dovere”.
    Riferito al fatto che è difficile ritirare la tessera del PD a Domenicantonio Sulpizi o estrometterlo dal gruppo consiliare che, ricordo a futura memoria, ha patteggiato una condanna per tangente e sta scontando una condanna pecuniaria (di qualche centinaia di migliaia di euro)della Corte dei Conti per danno di immagine proprio perchè ha intascato una tangente; se cercate nel sito della Corte dei Conti trovate le due sentenze di condanna, consiglio di leggere soprattutto la parte delle dichiarazioni di Sulpizi, roba da avanspettacolo!

  28. Pierantonio

    Sempre per Arianna e sempre in riferimento alle difficoltà di estromettere qualcuno dal PD, ti porto la mia esperienza personale. Nonostante avessi comunicato al segretario, al capogruppo e a tutti gli organi dirigenti del PD, la mia volontà di candidarmi con la lista Bonino alle regionali (lista non concorrente, ma concomitante)e che lo Statuto vigente in quel momento per tale circostanza non prevedesse l’espulsione dal partito, mi sono visto revocata la tessera su iniziativa di Annamaria Bilancia e decisione di nessun orgonanismo locale o provinciale nonostante la mia ripetuta richiesta di confronto con il collegio dei probiviri (unico organismo competente su tali questioni). Sicuramente prendere 1084 preferenze personali e contribuire ad un sostanziale equilibrio fra centro-destra e centro-sonistra, unica città in Privincia dopo Roccagorga, è più grave che intascare tangenti, ma non ti sembra che il PD sul tema espulsioni adotti due pesi e due misure?

  29. Pierantonio

    Sono stato prolisso quindi chiudo in breve. Pietro, la prima frase del tuo primo post fa di tutta l’erba un fascio, ma il PD mantiene un minimo di credibilità proprio perchè di persone come Elvira Picozza ce ne sono tante. Purtroppo però la sgangheratezza della risposta di Annamaria Bilancia si qualifica da sola! Piuttosto spieghi il segretario del PD privernate quali risultati ha conseguito in tre anni di gestione…

  30. Pierantonio

    Dimenticavo, ‘sto pandemonio è nato dall’abnegazione e dalla paraculaggine del Dott. Schiavi al quale dovremmo offrire lodi e non citazioni in giudizio o rimproveri, bravo Andrea!

  31. Pierantonio

    Chiamiamolo effetto “coda di paglia”….. al quale penso debbano seguire delle scuse rivolte a voi, visto l’epilogo di ieri.
    Scusate ma solitamente chi è che smentisce aspramente l’evidenza addebitando le cause nefaste delle “menzogne” ai comunisti?
    Complimenti per la coerenza signora cara e per tutto il resto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...