Google Wallet

Standard

“In the past few thousand years, the way we pay has changed just three times—from coins, to paper money, to plastic cards.
Now we’re on the brink of the next big shift.”
Così esordisce la homepage dedicata a Google Wallet, la futura applicazione android che promette di trasformare il tuo cellulare nel tuo portafoglio. Se in passato per prendere una bottiglietta d’acqua o il nostro snack preferito dal distributore automatico occorrevano delle monete o le famose “chiavette”, in futuro basterà avvicinare il cellulare. Se in passato si facevano lunghe file alla cassa per poter pagare i nostri acquisti, in futuro tutto questo scomparirà, rimpiazzato difatti da una postazione automatica in grado di leggere e far pagare la spesa direttamente dal cellulare.
Questi sono solo alcuni esempi e casi d’uso nel quale Google Wallet potrà rivelarsi come prossima rivoluzione tecnologica. Ma cosa si nasconde esattamente dietro a questa innovazione? Da qualche anno, università e centri di ricerca di tutto il mondo, hanno iniziato a focalizzare la propria attenzione su una promettente tecnologia, la Near Field Communication (NFC), sviluppata dal binomio Philips-Sony.
Cos’è esattamente? La NFC è una tecnologia che fornisce connettività wireless a corto raggio, tipicamente ad un massimo di 4 cm, operando ad una frequenza di 13.56 MHz e ad una velocità di trasmissione che va da 106 kbit/s a 848 kbit/s. Infatti, al contrario della Radio Frequency Identification (RFID), “parente” stretta di NFC, l’instaurazione della rete tra una coppia di apparati avviene grazie all’induzione magnetica tra due antenne ad anello, ognuna installata sul rispettivo dispositivo. In RFID, invece, entrano in gioco i campi elettromagnetici e la comunicazione tra i dispositivi è possibile a distanze maggiori, tant’è che questa tecnologia sta iniziando ad avere impiego nel campo logistico.

Molte aziende cominciano ad interessarsi all’NFC, poiché, un cellulare avente a bordo questa tecnologia ed un’apposita applicazione di controllo, permette di semplificare molti processi di mercato, tra i quali: associazione/riconoscimento di dispositivi (ad esempio per autorizzazioni varie), condivisione di dati e pagamenti di beni o servizi. Come è accaduto già altre volte in passato, Google sembra essere il primo a puntare la “bandiera”, sorprendendo tutto il mondo con Google Wallet. Chiaramente, in un primo momento, la sperimentazione sarà disponibile solo in alcune città americane; con buona probabilità, prima che questa tecnologia prenda piede anche in Italia, bisognerà aspettare almeno un paio di anni. Sul sito ufficiale (http://www.google.com/wallet/) è possibile documentarsi sulle attività che Google Wallet sarà in grado di offrirvi, senza tralasciare l’aspetto sicurezza, importantissimo nel momento in cui entrano in gioco i propri beni ed averi.Vorrei lasciarvi, prima del video dimostrativo di Google Wallet, con la seguente questione (alla quale io ancora non riesco a rispondere definitivamente): meglio avere “tutto in un uno” in forma digitalizzata velocizzando di fatto i pagamenti o ricorrere ancora alle care vecchie banconote dove il valore del denaro lo si tastava con mano prima di acquistare?
FF

2 pensieri su “Google Wallet

  1. Claudia

    Che nello vivere oggi in questo mondo orientato al progresso! Comodissima la new entry in the technological field e soprattutto utile primo nella minimizzazione dello spazio oggi occupato da true wallets pieni di monete ingombranti e, secondo, nel favorire il fai da te nei supermercati ad esempio, accellerNdo il ritmo della giornata. Sono davvero entusiasta! Non avrò più il problema di aver dimenticato il portafoglio o di non avere monete e quindi fare la colletta all università per prendere un cappuccino😀 rispondendo alla tua domand pero devo riconoscere che a mio
    parere banconote a vista aiutano a non sperperare. Datronde non ha tutti i torti colui che dice : occhio non vede cuore non duole!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...