Verso una quarta dimensione con il cloud

Standard

Quante volte vi è capitato di voler condividere con un vostro amico una foto sul vostro cellulare per poi ricordarvi che l’avevate sul computer e non lì? Oppure, quanti minuti avete speso davanti al PC aspettando che i vostri momenti più belli passati insieme nell’ultima vacanza fossero trasferiti da una penna USB ad un’altra?
Certo, con Facebook ed altri social network le cose sono già cambiate. Non vedo più molta gente scambiarsi le foto “a mano”, tramite CD o penna USB, piuttosto si invitano gli amici a visualizzarle su Facebook. Il problema rimane però nel momento in cui ci spostiamo in un luogo differente, magari senza connessione ad internet. In quel caso ci è impossibile accedere alle nostre foto o documenti, a meno che, prima di uscire, non siamo stati lì a cliccare su “Salva con nome…” su ognuna. Tutto ciò non vi sembra un po’ restrittivo, macchinoso e “stressante”?
Un attimo… rilassatevi, respirate profondamente e provate ora ad aprire l’immaginazione verso una quarta dimensione, uno spazio immenso, disordinato, ma allo stesso tempo avente un ordine tutto suo, ben preciso (no, non è la vostra stanza), una nuvola in cielo, nella quale risiedono i vostri mp3, le vostre foto ed i vostri documenti. Provate a prenderne uno con la mano, ovunque voi siate e a trasmetterlo ad un vostro amico. SVEGLIA! No, non era un sogno… ormai è realtà: è il cloud computing, nuvole di elaborazione e memorizzazione dati sparse per il mondo. Finora lo si era preso in considerazione soprattutto per le aziende e per i gruppi di lavoro, ma da qualche mese sta riscuotendo successo anche tra il pubblico. La definizione l’abbiamo data già in passato, in altri articoli, quindi non sto qui ad “ammorbarvi” con termini tecnici e ripetitivi. Ricordo solo la sua utilità principale: permettervi d’avere qualsiasi vostro documento sempre ed ovunque.


L’ultimo prodotto nato in campo cloud proviene da casa Apple, con un nome in linea con la loro politica: iCloud (http://www.apple.com/icloud/),
Con iCloud potete portare sempre con voi ogni fotografia, applicazione, documento o mp3 che desiderate, su qualsiasi dispositivo Apple. Avete sull’iPhone una foto che avete scattato nell’ultimo weekend e volete passarla sull’iPad o sul Macbook? Bene, non avrete più bisogno di collegare l’iPhone con l’USB al vostro laptop, ma semplicemente caricate l’immagine sulla nuvola, tramite iCloud, ed automaticamente tutti i dispositivi che hanno installato questa applicazione la scaricheranno automaticamente, senza alcun vostro intervento. Semplice e comodo, non vi pare?
E per tutti gli altri utenti non-Apple? Non disperate, c’è qualcosa di molto simile anche per voi, ne parleremo nella prossima puntata!

FF

Advertisements

Un pensiero su “Verso una quarta dimensione con il cloud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...