Il ritorno del poliziesco

Standard

A chi di noi non viene in mente quando si pensa ad un film poliziesco degli anni ‘70 un brano che lo accompagna e riesce a rendere quel film o telefilm caratteristico, quei motivetti jazz, funk o blues che danno atmosfera. Questa è l’idea alla base dela musica dei Calibro 35.

La band si forma a milano nel 2007 con l’obiettivo di rivisitare in chiave moderna brani che hanno accompagnato il filone del cinema poliziesco italiano degli anni ’60 e ’70; un compito difficile, dato il richio di pesanti critiche da parte dei cultori nonchè puristi del genere poliziesco e che avrebbero potuto vedere il progetto dei Calibro come l’ennesimo tentativo di rovinare brani “intoccabili” del genere con il loro tentativo di ammodernamento.

L’idea dei Calibro 35 si rivela invece vincente e molto apprezzata dal pubblico, il primo album publicato nel 2008 dal titolo omonimo riscuote un grande successo, ed il tentativo di dare un nuovo smalto a brani come “Indagine su un cittadino” di Morricone o “Italia a mano armata” di Micalizzi. L’album è composto da 14 brani, tra cui due inediti, che accompagnano l’ascoltatore in un viaggio poliziesco con atmosfere che ricordano pedinamenti, inseguimenti e suspance; il tentativo di riadattare questi brani del passato non sfocia mai nel tributo o nel completo stravolgimento, le esecuzione sono realizzate con maestria e grande tecnica dai parte dei membri della band.

Tra i brani che spiccano di più all’interno dell’album è possibile considerare i due brani elencati in precedenza ed il brano “L’appuntamento”, unico brano in cui compare anche la voce e ralizzato con Roberto Dell’Era (Afterhours) che va a sostituire Ornella Vanoni che aveva realizzato la versione originale.

Nel 2010 esce “Ritornano quelli di…” secondo album della band, che viene distribuito anche in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Oltre alle rivisitazioni di Morricone ed altri grandi 8 tracce su 13 sono completamente inedite. Il genere riamanee lo stesso ma si accentuano anche delle spinte più progressive. E tra fiati motown e pizzichi di psichedelia spiccano “Piombo in bocca” e “Sospesi nel traffico”.Sempre nel 2010 esce “Rare” una raccolta di brani realizzati dalla band nei primi tra anni di attività.

Il successo della band viene incrementato da una tournee negli Stati Uniti e nel 2010 dall’apertura del concerto milanese dei Muse.Alcuni dei brani della band vengono utilizzati in film recenti tra cui “R.E.D.”, “Vallanzasca, Gli Angeli Del Male”, “La Banda Del Brasiliano”.

(Davide Di Legge)

Annunci

4 pensieri su “Il ritorno del poliziesco

  1. Fab

    Veramente una bella idea quella dei Calibro 35, non mi dispiacerebbe ascoltarli dal vivo.
    Mi è sempre piaciuta la musica dei film italiani anni 70,polizieschi e non….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...