Robin Williams, l’eterno giovane.

Standard

Vi sarà capitato recentemente accendendo la televisione di notare la pubblicità di un famoso videogioco per Nintendo: “The Legend of Zelda – Ocarina of Time 3D”, in cui il testimonial d’eccezione non che grande appassionato è un “barbuto” Robin Williams che, accompagnato dalla giovane figlia Zelda, il cui nome è tutt’altro che una coincidenza, dimostra nonostante i suoi sessantanni da poco compiuti di aver mantenuto il suo giovane spirito e la sua contagiosa allegria che lo hanno contraddistinto in tanti anni di cinema e lo hanno reso uno degli attori più amati dal pubblico di tutto il mondo.
Alla base del successo di questo grande artista vi è sicuramente la capacità di cimentarsi con grande naturalezza in diverse attività, oltre ad essere un grande attore infatti Robin Williams è anche noto per essere un esilarante comico, avendo partecipato a numerosi programmi di intrattenimento agli inizi della sua carriera, ed anche un notevole doppiatore, noto soprattutto per aver dato la voce al genio della lampada nel classico Disney “Aladdin”.
Il suo fortunato debutto è legato alla serie televisiva “Mork & Mindy” (1978) in cui Williams interpreta il simpatico alieno Mork, questo personaggio entra subito nelle simpatie dei telespettatori e diventa il suo trampolino di lancio per il cinema che arriva a distanza di due anni con il meno fortunato film “Popeye” nel quale veste i panni del forzuto “Braccio di ferro”. A distanza di pochi anni però arriva per l’attore americano un importante prova nel film “Good morning Vietnam”, in cui si ritrova ad interpretare un soldato americano che durante la guerra in Vietnam lavora come deejay nella radio dell’esercito e con la sua incontenibile energia cerca di tenere alto il morale delle truppe americane che lo ascoltano, questo ruolo che sembra cucitogli addosso permette all’attore di ricevere il suo primo Golden Globe.
Da questo momento in poi la carriera di Robin Williams sarà un continuo girare da un set ad un altro, passando da ruoli completamente differenti tra loro, di maggiore e minore importanza, tra i quali si possono sicuramente citare alcuni tra i più importanti come: “L’attimo fuggente” nel quale interpreta il ruolo di un professore con idee moderne e rivoluzionarie che sprona i suoi giovani alunni, questo film insieme ad altri di successo come: “Risvegli” o “Will Hunting” permettono alla critica di riconoscere la completezza di questo attore capace sia di far ridere con una semplice smorfia ma anche di far commuovere lo spettatore con trasportanti interpretazioni.
Nonostante tutto però l’immagine più viva e che più rispecchia questo attore è proprio quella dell’eterno bambino, sembra infatti in alcuni suoi film come “Hook – Capitan Uncino”, “Jack” o “Mrs. Doubtfire” che il tempo per lui non passi mai, riuscendo inoltre a portare lo spettatore in un mondo fantastico lontano da ogni altra cosa.
(di Jacopo Di Macio).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...