Uno stadio “futuristico”!

Standard

Quella di ieri la reputo una serata storica, e se altri hanno avuto la possibilità di vedere la presentazione dello “Juventus Stadium” credo che il loro pensiero non si allontani molto dal mio.

Una struttura imponente, ultramoderna, luminosissima che definirei “futuristica” rispetto ai reperti archeologici stanti in tutte le città italiane, lo “Juventus Stadium” credo che in qualche modo sia riuscito finalmente a dare il la a quella che può essere una vera e propria rivoluzione copernicana della concezione di “stadio di calcio”. Tale impianto pioneristico testimonia come la Juventus abbia iniziato un cammino che in Italia mai nessuno aveva avuto il coraggio di intraprendere, abbia solcato un passaggio obbligato per il futuro del calcio italiano e delle società sportive.

Il calcio italiano nell’ultimo decennio ha fatto diversi passi indietro rispetto a Spagna ed Inghilterra, ed anche la Germania, dopo un periodo nero, ci fa sentire il fiato sul collo. Ebbene l’unica risposta positiva volta ad aumentare gli introiti e non solo a tagliare le spese è arrivata dalla Juventus, la quale in tre anni è riuscita a dare via a questa sorta di “bomboniera” del calcio italiano. Le altre società non fanno altro che razionalizzare le spese, tagliare gli stipendi dei calciatori ma se una società non investe sul piano della crescita e degli introiti è destinata, nel corso degli anni, ad essere schiacciata dal mercato.

Speriamo che da questa serata, da questo stadio, l’Italia, i politici capiscano di cosa ha bisogno”

Credo che un uomo lungimirante come Fabio Capello abbia capito a pieno qual è il vero significato che l’inaugurazione di ieri ha lasciato. Anche io spero vivamentebche venga raccolto in fretta questo messaggio.

Ma veniamo agli aspetti pratici, alle vere novità che lo Juventus Stadium propone: oltre ai bar, ristoranti, congerie service, poltrone ad altissimo comfort, parcheggi e ingressi riservati vi è un nuovo percorso che il tifoso può compiere prima di vedere la partita ed è chiamato “Juventus Premium club”. In sostanza chi compierà questo percorso attraverserà una zona dello stadio ricca di servizi “all’insegna del comfort più esclusivo, con un servizio d’hospitality d’eccellenza, in compagnia della tua squadra del cuore”.

E poi vi è la novità assoluta, vi è l’opzione che più che mai ha fatto sognare un cuore bianconero, in altre parole la possibilità di acquistare una stella del nuovo stadio e darle il proprio nome. La campagna “Accendi una stella” ha avuto grande successo e credo che probabilmente troveranno il modo per ripeterla nel tempo.

Questo stadio ha mostrato la via della rinascita del calcio italiano. Sapremo cogliere questo messaggio?

Di Antonio Di Giorgio

6 pensieri su “Uno stadio “futuristico”!

  1. parlando francamente e sperando di sbagliarmi, credo proprio di no… magari il messaggio passerà anche, ma da qui a 3-4 anni saranno pochissime, se non nessuna, le società di calcio italiane pronte a rispondere alla “chiamata alle armi” lanciata dalla juventus…
    e tutto questo per un motivo ben preciso: nessuno degli altri presidenti (o, meglio, patron) delle società italiane è pronto a rimetterci un euro di suo sulla costruzione di nuovi stadi… son tutti in attesa della nuova legge che gli permetta di costruire grazie ai soliti finanziamenti del generoso stato italiano… e questa intenzione s’è vista qualche anno fa quando si vociferava della candidatura italiana a candidarsi ad ospitare gli europei di calcio: tutti pronti a costruire i nuovi stadi… naturalmente con lo stato che doveva rimetterci gran parte dei soldi… in quel momento tutti eran pronti a costruire un nuovo stadio sul modello “inglese”… tanto alla fine, paga pantalone… appena la candidatura è naufragata (contro le “corazzate” ucraina e polonia, tra le altre cose) tutti son scappati a gambe levate.. e questo fatto è stato confermato da uno non esattamente povero come De Laurentis che, dopo essersi complimentato con la juve per l’inaugurazione ha detto, più o meno, noi non ci muoviamo finché lo stato non approva la legge ferma in parlamento… la juve, come succede invece in ogni altra parte del globo e come dovrebbe essere normale, ha costruito lo stadio con fondi propri per poi rivendere i diritti commerciali dello stadio ad una cifra che si aggira attorno agli 80 milioni di euro per i prossimi 12 anni, rientrando quindi quasi totalmente della spesa…
    fino a che un po’ tutti sono in attesa della solita sovvenzione statale (per quale motivo poi, non ho ancora capito…) credo che nessuno saprà cogliere il messaggio di cui parli….

    • Luca C.

      mafia? gare d’appalti? sub-appalti? camorra? riciclaggio? i soldi statali sono più propensi a finire in tasca alle persone sbagliate e fanno gola a molti. Non pensare che le società non vogliano investire perchè non hanno… il mondo va così. Lode alla Juventus per ciò che ha fatto, ma penso – salvo miracoli – che sarà l’unica da qui ad almeno 10 15 anni!

  2. Eddie (Simone D.)

    Mi piace, ieri mentre vedevo lo spettacolo della presentazione, credo di aver riconquistato parte della fede calcistica persa negli ultimi 5-6 anni. E’ stato bellissimo vedere le stelle del calcio passato tornare sul campo di calcio. Che dire, un buon progetto e d’avanguardia, brava Juventus, speriamo bene per quest’anno.

    • credo di si. sembra un paradosso ma lasciare tutto aperto può portare qualche incidente all’inizio ma magari anche una sorta di “responsabilizzazione” della gente…mettere le sbarre non è sempre una bella soluzione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...