Priverno calcio: dove si può arrivare?

Standard

20 settembre 2011, la fase puramente atletica è ormai agli sgoccioli e, a scanso di scioperi o manifestazioni varie più o meno condivisibili, anche i campionati dilettantistici tra non molto avranno inizio.

Il Priverno calcio del patron Palluzzi ha appena concluso la terza settimana di preparazione ed il mr Coluzzi, dopo un inizio con circa 35 giocatori, sta ormai ultimando la c.d. “scrematura” che darà finalmente vita al gruppo. Se entriamo ancor più nel merito della questione ci accorgiamo che questo gruppo è composto in gran parte da ragazzi di 23-24 anni con l’ausilio di qualche trentenne d’esperienza e con più di qualche “fuori quota” che si accingono a superare i quarant’anni.

Si vede chiaramente che questo gruppo è stato costruito in maniera oculata, senza spendere cifre folli, facendo qualche sacrificio solo per avere giocatori affermati nelle zone nevralgiche del campo. In porta si ci è affidati a Santone, ancora giovanissimo ma ormai portiere navigato per queste categorie. La difesa credo sia il reparto meglio assemblato nel suo insieme, poiché composta da giovani vogliosi di giocare che hanno alle spalle esperienze giovanili malandate oppure qualche campionato anonimo in categorie superiori con l’ausilio di qualche ex giocatore, ormai non più ex; questo per loro può essere l’anno del rilancio e della affermazione definitiva. Oltre alla loro presenza, non possiamo dimenticare quella di un ottimo terzino del Priverno di Di Trapano in Eccellenza, parlo di Notari che quest’anno giocherà da centrale arretrato e sarà lui a gestire l’intera fase difensiva. Continua a leggere

Il calcio privernate riparte dai piccoli

Standard

(di Antonio di Giorgio)

Forse qualcuno storcerà il naso, forse qualcuno in queste settimane avrà avuto un sospiro di sollievo nel notare l’assenza del calcio sul blog di Punto Futuro, ma non parlare di calcio nostrano in questo periodo di forti cambiamenti è stata solo una scelta, dettata dalla voglia di comprendere al meglio l’evoluzione calcistica locale. Come tutti sappiamo, il fallimento del Clc Priverno ha comportato la nascita della Polisportiva Priverno Lepina, il cui organigramma si erige sulla rispettabilissima figura di Tommaso Palluzzi, il quale si è fatto carico di una situazione a dir poco deficitaria e di ridare vita ad una società che si è andata inesorabilmente sgretolando. Il buon Tommaso le ha provate tutte e per il momento è riuscito a formare, insieme al suo entourage, una squadra di Allievi, un gruppo di bambini che faranno Scuola Calcio e un’inaspettata squadra di Under 21, la quale disputerà un campionato regionale la cui vittoria potrebbe (il condizionale è d’obbligo) comportare il ripescaggio in Seconda Categoria. Viste le condizioni da cui si è partiti, meglio di cosi non si poteva fare e vedremo nelle prossime puntate della rubrica come proseguirà questa nuova esperienza calcistica. Invece dall’altro lato del paese, precisamente in quel di Ceriara, matura sempre più una società sportiva che ha avuto un incremento di iscrizioni sostanziale. Continua a leggere